Sviluppo sostenibile, 24 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2030

Share
Condividi

Sviluppo sostenibile, 24 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2030

 

Lo sviluppo sostenibile conviene anche in termini meramente economici: 24 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2030. È questa la stima dell’ultimo rapporto pubblicato dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), intitolato “Greening with jobs. World employment social outlook 2018”, in cui viene calcolato l’impatto in termini occupazionali della transizione ecologica per attuare l’Accordo di Parigi sul clima.

Nel bilancio di questa transizione, si stima anche che ben 6 milioni posti di lavoro potrebbero scomparire, tutti concentrati in comparti legati alle fonti fossili e al minerario.

Il saldo sarebbe quindi attivo per 18 milioni di posti di lavoro. A questi se ne potrebbero aggiungere altri 6 milioni investendo in un’economia circolare.

Sviluppo sostenibile e… occupazionale

A perdere occupati potrebbero essere soprattutto le industrie che sfruttano le fonti fossili, concentrate in alcune aree geografiche.

In Europa lo sviluppo sostenibile porterebbe a un saldo positivo di posti di lavoro (circa 12 milioni di occupati in più), lo stesso nelle Americhe (3 milioni) e nell’area Asia-Pacifico (14 milioni). Nel Medio Oriente e in Africa i valori sarebbero negativi per 300mila e 350mila. Questo a causa della presenza massiccia di strutture e aziende impegnate nel settore delle fonti fossili e in quello minerario.

Occupazione per regione nel 2030 (differenza percentuale)

Vantaggi per gran parte dell’economia mondiale

A livello globale “la maggior parte dei settori dell’economia trarrà vantaggio dalla creazione netta di posti di lavoro”, spiegano dall’Onu: dei 163 settori economici analizzati dal rapporto, solo 14 potrebbero essere soggetti a perdite di occupazione superiori a 10.000 posti di lavoro.

Soltanto l’estrazione del petrolio e le raffinerie vedranno diminuire i loro addetti per più di un milione di unità. Al contrario, nel settore della produzione di energia, le perdite di 400mila posti (prevalentemente nello sfruttamento delle fonti fossili) sarebbero ampiamente compensate dalla creazione di 2,5 milioni di nuovi posti garantiti dalle rinnovabili.

Occupazione per settore (differenza percentuale)

A fornire nuovo impulso potrebbe essere anche l’economia circolare, le attività di riciclo, la raccolta differenziata, i servizi di riparazione e di riutilizzo. Benché giudicata più difficile da quantificare, anche la crescita dell’agricoltura biologica garantirebbe un numero importante di nuovi posti di lavoro.

Prepararsi alla transizione green

Il cammino verso uno sviluppo sostenibile sicuramente non sarà “automatico” né indolore. Tanto che l’Onu “invita i Paesi a intraprendere azioni urgenti per formare i lavoratori nelle competenze necessarie alla transizione verso un’economia più verde e ad assicurare la protezione sociale che faciliti la transizione verso i nuovi posti di lavoro”. “Soprattutto i paesi a reddito basso o medio – si legge nel rapporto – hanno bisogno ancora di adottare e finanziare strategie che garantiscano una transizione verso un’economia sostenibile e inclusiva, sia sul piano ambientale che su quello sociale”.

Etica Sgr e lo sviluppo sostenibile

Etica Sgr promuove da sempre la transizione verso un’economia sostenibile e lo fa impegnandosi su diversi fronti. Come?

  • Propone una gamma di fondi semplice e trasparente, conforme al Codice Europeo per la Trasparenza degli investimenti Sostenibili e Responsabili di Eurosif e certificata per il sistema per il Sistema di Gestione della Qualità del processo di analisi e ricerca.
  • Svolge attività di engagement, attraverso la quale Etica Sgr dialoga con le imprese per sollecitare il top management ad intraprendere condotte sempre più responsabili.
  • Forma e infoma con EticAcademy, l’accademia di formazione online di Etica Sgr, punto di riferimento per le banche e i soggetti collocatori dei fondi di Etica Sgr.

L’educazione finanziaria è per noi uno dei tasselli fondamentali per la transizione verso un modello di sviluppo sostenibile.

Vuoi essere parte di questa transizione? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere mensilmente tutti gli aggiornamenti più importanti in tema di investimenti responsabili e di sviluppo sostenibile.



This entry was posted in News ed eventi and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.