Sviluppo sostenibile, Italia spende più per inquinare che tutelare l’ambiente

Share
Condividi

Sviluppo sostenibile, Italia spende più per inquinare che tutelare l’ambiente

 

Sviluppo sostenibile: c’è molta strada da fare. Il paradosso è che il nostro Paese spende di più per inquinare che per diminuire l’impatto ambientale.

Questo è ciò che emerge dal Rapporto 2017 sullo Sviluppo Sostenibile realizzato dall’Asvis, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile guidata dall’ex presidente dell’Istat Enrico Giovannini.

Secondo il rapporto, l’Italia utilizza sussidi per € 16,167 miliardi ogni anno per attività ad alto impatto ambientale e € 15,679 miliardi per attività che migliorano il rapporto con l’ambiente. La differenza sono circa 500 milioni di euro, che dimostrano come spendiamo più per inquinare che per disinquinare.

Sostenibilità

Il rapporto propone un lungo elenco di suggerimenti per amministrare meglio il portafoglio pubblico: ad esempio la revisione delle esenzioni dall’accisa sull’energia elettrica basata sui combustibili fossili, l’eliminazione dei sussidi, l’allevamento intensivo. Fondi risparmiati, che potrebbero essere reinvestiti in attività di carattere ambientale, creando più posti di lavoro.

Sporadici passi avanti

Negli ultimi anni l’Italia ha compiuto qualche passo avanti, ma – denuncia l’Asvis – sono state azioni isolate, sganciate da un’idea coerente di sviluppo del Paese. “È  mancato – si legge nel Rapporto – un quadro di riferimento strategico in grado di dare coerenza ai singoli provvedimenti e di comunicare ai cittadini e agli operatori economici, ivi compresi quelli internazionali, la direzione di medio termine verso la quale si intende portare Sviluppo Sostenibile 2017l’Italia”.

Considerando l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e i suoi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile l’Asvis sottolinea come l’Italia negli ultimi anni abbia registrato un miglioramento in 9 Obiettivi e un netto peggioramento in 4: povertà, gestione delle acque, diseguaglianze, ecosistema terrestre. La situazione è immutata in altri 4 Obiettivi.

Qualche buona notizia quindi c’è, ma se andassimo avanti di questo passo, l’Italia non riuscirebbe a raggiungere i Sustainable Development Goals (SDG) entro il 2030, compresi quelli previsti dall’Accordo di Parigi contro i cambiamenti climatici.SGGs

Lo Sviluppo Sostenibile passa anche dagli investimenti

Etica Sgr prende molto sul serio i 17 SDG. Accanto alla tradizionale analisi di rischio e rendimento di portafoglio, infatti, nel 2017 abbiamo misurato per la prima volta anche l’impatto dei nostri investimenti azionari con delle metriche riconducibili agli Obiettivi delle Nazioni Unite.

I risultati? Il fondo Etica Azionario ha un impatto positivo più elevato rispetto al mercato di riferimento del 43% in ambito ambientale, del 28% in ambito sociale e del 21% in tema di governance.

Per saperne di più scopri il Report di impatto.


This entry was posted in News ed eventi and tagged , , , , . Bookmark the permalink.